L'Editor VBA
Come andare nell'editor VBA

Per creare le nostre Macro (procedure, routines) e per lavorare con queste abbiamo bisogno di un editor. Excel ce ne offre uno e lo si può raggiungere in diversi modi:

L'ambiente VBA

Verremo a trovarci di fronte a questo scenario:

Nella parte superiore di questa finestra abbiamo, come di consuetudine, la barra dei menù ed alcune barre degli strumenti.

Sulla sinistra abbiamo due finestre:

  1. La finestra Progetto che mostra i vari moduli presenti nel progetto
  2. La finestra Proprietà del modulo o degli oggetti compresi nel modulo su cui stiamo lavorando

Nella parte principale della finestra abbiamo la finestra relativa al Modulo che abbiamo scelto ed è qui che andremo a scrivere il nostro codice.

Il codice VBA viene scritto a blocchi e può essere posto in uno dei moduli disponibili.

Come si può vedere in questa immagine ci sono dei moduli predefiniti ed altri che possiamo agiungere:

Qui viene mostrato come si inserisce uno dei moduli  

Per spostarsi da un modulo ad un altro il metodo più veloce ed intuitivo è quello di fare doppio clic sul nome del modulo visibile nella finestra Gestione progetto.

Le Routines ed i loro nomi

Il codice va scritto all'interno di questi moduli e racchiuso tra le parole chiave:

Sub nome_macro()

End Sub

La parola chiave Sub va seguita da una serie di caratteri (il nome) e da una coppia di parentesi tonde () normalmente senza contenuto.

Ogni Macro, che pu˛ anche essere chiamata Procedura o Routine, ha un suo nome che la distingue da qualsiasi altra Macro.

Sub MiaMacro()

Sub CercaNome()

Sub Elabora1()

 

Seguono alcune regole:

Un consiglio

Per una migliore gestione del progetto è buona norma (non obbligatorio, comunque) dosare con criterio le Maiuscole e le Minuscole.

Sub NomeDellaMaro()

oppure

Sub Nome_Della_Macro()

ecc

Scrittura del codice

Per scrivere il codice occorre usare le parole (oggetti, proprietà, argomenti) propri di questo ambiente (parole riservate o parole chiave). Se per il momento ancora non le conosciamo dobbiamo avere solo pazienza: col tempo impareremo a conoscerle ed usarle più o meno correttamente. Intanto, per fare la conoscenza con molte di loro possiamo sempre usare il registratore di macro e studiarne il comportamento.

Ben presto ci accorgeremo che il VBA ci offre anche una preziosa assistenza. Infatti quando scriviamo il nostro codice, molto spesso ci offre anche dei preziosi suggerimenti come illustrato in queste immagini suggerendoci i metodi e gli argomenti abbinati alle varie funzioni o ai vari oggetti che stiamo usando.

Semplici convenzioni nella scrittura del codice

Lavorando col VBA sarà inevitabile usare variabili per memorizzare temporaneamente dei dati che stiamo elaborando.

E' bene assegnare alle variabili dei nomi significativi ma brevi:

Nome, Cognome, Eta (senza accento), Nome1, Nome_Mittente, Nome_Dest, ecc.

perchè così ci sarà più facile fare loro riferimento senza tentare di ricordare un nome troppo generico che tante volte è difficile ricordare se le variabili sono numerose.

Un'altra regola che mi piace seguire è quella di un uso appropriato di caratteri maiuscoli e minuscoli. Questo perchè quando scrivo del codice e sbaglio a scrivere il nome di una variabile riesco ad individuare facilmente l'errore. Perciò la variabile mi piace dichiararla ponendo attenzione all'uso della prila lettera maiuscola e poi scivere il codice sempre in minuscolo. Così facendo, uscendo dalla riga di comando, tutte le parole riservate e, naturalmente anche le mie variabili, prenderanno le giuste maiuscole.

Così, se dichiaro due variabili come
Dim NrigaInizialeFoglio, URiga
quando vado a scrivere questa riga
cells(nrigainizialefoglio,uriga).select
quando ne esco il codice scritto diventerÓ automaticamente
Cells(NrigaInizialeFoglio, URiga).Select

Infatti se per distrazione o errore di digitazione, per riferirmi ad una variabile già dichiarata come MiaVariabile, dovessi scrivere mivariabile, oppure misvariabile, ecc. me ne accorgerei subito perchè uscito dalla riga di comando, se la variabile è stata scritta correttamente: miavariabile, diventerebbe subito MiaVariabile.

Converrete che usare questa tecnica ci risparmierà grossi grattacapi.

Bene. Per questa volta basta così Ci risentiremo la prossima volta.