Introduzione all'istruzione SELECT

Finora, nelle pagine precedenti, abbiamo buttato giù le basi per poter avere qualcosa su cui lavorare. Abbiamo anche usate delle istruzioni che, seppur complesse ed incomprensibili, verranno chiarite e spiegate nel seguito delle nostre pagine.

Perciò, finiti gli studi fatti nei capitoli precedenti che riguardano la creazione e la manutenzione del DB dal punto di vista amministrativo, possiamo passare a fare i primi passi per elaborare i dati nel DB. In questo capitolo vedremo per sommi capi le più semplici e comuni Query.
La complessità di questo tipo di gestione sta nel fatto che non si può avere un benchè minimo standard per le Query da creare in quanto possono essere innumerevoli gli scenari in cui ci si può trovare, per via del tipo di tabelle con cui si lavora, ed altrettanto innumerevoli le richieste che si debbono soddisfare ed innumerevoli i modi per rispondere a tali richieste.
Ma andiamo in ordine per rendere più comprensibile questo argomento.
Questo è il settore in cui interagisce anche l'utente. Le principali attività saranno senz'altro:

  • attività di consultazione dei dati: istruzione SELECT. Tra le Query è questa la più potente e complessa per via delle numerose clausole e funzioni che opzionalmente accetta. Viene usata per mostrare i dati prelevati da una o più tabelle.
  • attività di scrittura dei dati: istruzione INSERT. Questo tipo di Query è relativamente più semplice ma con l'unica difficoltà che si incontra se occorre eseguire l'inserimento su due o più tabelle collegate da una qualche relazione: appena dopo l'inserimento occorre individuale un campo di collegamento tra le varie tabelle. Viene usata per inserire dati in una tabella.
  • attività di modifica dei dati: UPDATE. La Query è abbastanza semplice anche essa e per gli aggiornamenti di altre tabelle collegate occorre individuare il campo o i campi che collegano le varie tabelle. Viene usata per modificare dati precedentemente inseriti in una tabella.
  • attività di eliminazione dei dati: DELETE oppure TRUNCATE. Sono queste Query tanto semplici quanto pericolose perchè una volta eliminato un record non sarà più possibile recuperarlo. Viene usata per eliminare uno o più record o tutti i record di una tabella.

L'istruzione SELECT, più di tutte le altre istruzioni, è senz'altro l'istruzione più usata in MYSQL. E' la più potente e complessa e per mezzo di essa è possibile richiamare e mostrare i dati dalle tabelle esistenti nel DB mostrandoli nei modi più vari. Ad essa vengono associate, opzionalmente, quasi tutte le altre istruzioni e clausole di cui dispone il dialetto MYSQL. E' capace di richiamare e mostrare informazioni usando una infinità di modi.

Le principali clausole che si possono impiegate in una istruzione SELECT sono le seguenti:

  • SELECT [[ALL] [DISTINCT]] nome colonne è la prima clausola di una istruzione SELECT ed è obbligatoria
  • DISTINCT nome colonne è facoltativa e, se usata, viene messa subito dopo la clausola SELECT, ma prima dell'elenco delle colonne e permette l'eliminazione delle righe doppie
  • FROM tabellaè la seconda clausola anche essa obbligatoria
  • WHERE condizioni, opzionale, si usa per filtrare i record
  • GROUP BY per raggruppare i record in base alle colonne indicate ed è anch'essa facoltativa
  • HAVING per specificare ulteriori condizioni, facoltativa, associata alla clausola GROUP BY e la si usa per filtrare le informazioni raggruppate
  • ORDER BY [[ASC] [DESC]] ordinamento su una o più colonne in ordine ASC (ascendente) o DESC (discendente)
  • LIMIT [inizio, ] fine per stabilire quante righe includere nel recordset.

E' per questi motivi che iniziamo a parlare di questa istruzione: perchè abbiamo modo di parlare anche delle altre clausole e tecniche che poi verranno utilizzate anche col restante delle istruzioni.

Da una istruzione SELECT possiamo ottenere dei resultset che, come una tabella, zero o più righe e zero o più colonne.

 

 



settore tecnico il sito di lorettabweb il Forum di sostegno
il forum il forum il forum